Stampa

Vini Verticali

Tutto ha inizio dalla terra, sale su un fusto e diventa tralce. Da qui figliano pampini e bacche, frutti pieni e succosi che si fanno grappolo: il grappolo d’uva che è origine del nostro vino.

IL RICHIAMO DELLA TERRA

Ci chiamiamo Marco e Valentina, siamo fratelli. Siamo bambini e ci arrampichiamo tra le viti, raggiungiamo a fatica il punto più alto. La ricompensa per tanto sforzo sono dei chicchi piccoli e tondi, opachi, che teniamo un po’ tra le dita prima di infilarceli in bocca. Il sapore è zuccherino, poi diventa aspro, erbaceo, lega un po’. Ripercorriamo il vigneto in senso opposto, in discesa, ridendo ad ogni caduta.

D’un tratto siamo grandi. Ci occupiamo di cose distanti da quei vigneti, in cui torniamo di tanto in tanto solo per svago. Poi sempre più spesso. La terra chiama, sussurrando, poi gridando forte parole a cui non si può resistere. Sono i nomi dei nostri avi, di nostro padre, infine i nostri. Cediamo.

È il 2008, i vigneti diventano la nostra occupazione.

Nel DNA del chicco d’uva è scritta buona parte della storia del vino che sarà. Ma è poi il contesto geografico in cui affonda le radici a renderlo unico. E una prospettiva inclinata, molto inclinata.

VINI VERTICALI

Ad inizio 900, quando ad occuparsi delle viti sono i nostri nonni, l’area del feltrino produce 30.000 ettolitri di vino. Poi la fillossera, le guerre e l’abbandono delle terre per l’emigrazione passano come cavallette sulle superfici vitate sterminandole. Gli appezzamenti che sopravvivono resistono solo grazie all’amore dei vecchi. Da loro acquisiamo la maggior parte dei nostri vigneti, quando l’età e l’impervie condizioni non gli consentono più di occuparsene. Perché per la maggior parte sono appezzamenti piccolissimi, ripidi e ghiaiosi, la cui estrema pendenza ci ha obbligato ad una prospettiva molto inclinata sulle cose. Lenta e faticosa ma che prelude a discese spassose.

Complici terreni fortemente calcarei, poveri e sassosi e il clima bizzarro portato dalle Dolomiti, fatto di inverni rigidi e lunghissimi ed estati scandite da repentini sbalzi termici, il risultato è un vino unico e irripetibile, ancorato alle radici, ma che punta in alto. Verticale.


Da un processo biochimico l’alchimia della trasformazione dell’uva in vino: la vinificazione che ha inizio dal rituale vitale e prospero della vendemmia.

 

 

 

A MANI NUDE

Nel 2008 siamo pronti ad investire in nuovi impianti di vinificazione. Ci attrezziamo di botti piccole, perché le rese per ettaro dei nostri vigneti sono limitate, i tempi di maturazione delle medesime varietà su appezzamenti diversi differiscono di molti giorni  e preferiamo puntare sulla qualità tralasciando le grandi quantità. Le vinificazioni sono condotte in modo naturale con un attento controllo delle temperature e riducendo al minimo l’utilizzo dei solfiti. Anche la difesa delle piante avviene per quanto possibile in modo naturale, secondo i parametri della lotta integrata volta a limitare gli interventi chimici e a preservare così l’ecosistema. La pendenza media dei nostri vigneti, ostile ad essere percorsa da altri mezzi se non a piedi, ci obbliga ad eseguire manualmente tutte le pratiche agronomiche, così come la vendemmia, rituale prospero e di grande socialità che prelude al vino che verrà.

Apparteneva a Vanduja il nostro vigneto più antico. Si addormentava tra le vigne per la paura che, di notte, qualcuno gliele portasse via. Non poteva che chiamarsi così il nostro primo vino.

VINI  MOLTO PERSONALI

È la fine dell’800 e Bepi Vanduja, instancabile contadino e gran bevitore, mette a dimora barbatelle di vitigni autoctoni sui ripidi conoidi calcarei del monte Aurin. Un secolo dopo lo ereditiamo noi, quel vigneto, e traiamo dalle sue uve il nostro primo vino. Decidiamo di dargli il suo nome non solo per rendere omaggio alla sua intuizione, ma perchè ci pare ancora di vederlo lì, chinato sul terreno a spaccare i sassi col martello. La strada è segnata e i vini che seguono vengono nominati con lo stesso criterio, mutuando l’identità da chi in vari modi ha contribuito a crearne la fisionomia. Il Saca, la nonna Jenia, Ico, nostro padre, e tutti gli altri, persone di carattere che hanno fatto la storia dei nostri vigneti. La nostra storia.

Il gusto assorbe umori e mode, ma è anche dettato da necessità e consegue a condizioni climatiche, natura del territorio e disponibilità economiche. Così si crea un gusto del vino che cambia di tempo in tempo.

DI PAVANA, GATA, BIANCHETTA ED ALTRE STORIE

La nostra storia inizia con i vitigni autoctoni, l’uva Pavana, la Gata, la Bianchetta. C’è la voglia di recuperare cose perdute. Si insinua piano però anche la voglia di sperimentare. Nasce il Saca, prima fermentazione Charmat della Bianchetta, arrivano le coltivazioni di vitigni internazionali, impianti moderni. Fino ad Ico, la nostra personale bollicina Champenoise.

I Nostri Vini

Cerca

About Us

Soc. Agr. De Bacco Pietro di De Bacco Marco &C . S.a.s  Via Quattro Sassi 4 32030 Seren Del Grappa Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. tel.043944149

ORARIO APERTURA PUNTO VENDITA Lunedì - Venerdì 9-12 15-18.15 Sabato 9-12

*Il Sabato pomeriggio organizziamo visite in vigneto e degustazioni in cantina su prenotazione.

 

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione privacy policy.

Accetti i cookie da questo sito
EU Cookie Directive Module Information